Straordinari

Osservando le vetrine mi piacciono delle albicocche, un orologio da taschino e un abito rosso. Al birrificio faccio sempre gli straordinari tranne venerdì scorso che non li ho fatti e sono tornato a casa prima del solito. Aperta la porta ho scoperto che mia moglie non c’era e non aveva lasciato neanche un biglietto di addio. Ho osservato a lungo il mio letto a una piazza, il tappetino zebrato davanti allo specchio e infine ho ricordato che io non ho moglie. Continuerò a fare gli straordinari per non dover mai più vedere le luci screziate del tramonto creare onde dentro al silenzio della mia stanza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: